Dichiaro di aver letto ed accettato l'informativa sulla privacy. (Leggi l'informativa)
In evidenza

Home > In evidenza > Scienza, tv, social: parliamo di clima, di più e meglio

Scienza, tv, social: parliamo di clima, di più e meglio

Il fascino e la complessità della climatologia, il sogno di una divulgazione quotidiana in uno spazio di informazione più corretto e continuo

Non c’è mai abbastanza tempo, per palare del tempo. Quello meteorologico, s’intende, nel quale si muove con grazia e professionalità Luca Mercalli. “Nella meteorologia, come in tutte le scienze, quando si esce dall’ovvio si entra nello straordinariamente complesso, che richiede uno sforzo divulgativo enorme. Invece, si finisce per rimanere nella ripetizione del proverbio o nel luogo comune, senza trasmettere i progressi scientifici”, spiega.

Le previsioni meteo oggi arrivano a 15 giorni, una proiezione inimmaginabile solo pochi anni fa. “Dietro ci sono due sistemi giganteschi: quello dell’osservazione e quello dell’elaborazione. Miliardi di dati in tempo reale da satelliti, stazioni meteo, boe marine, navi e aerei, convergono verso i (pochi) centri di previsione nel mondo. Qui vengono elaborati da super calcolatori. Perché la previsione deve arrivare... prima!”.
Complessità che si scontra con la semplificazione dettata dai tempi televisivi e dai telegrafici social, riflesso di un interesse da meteo usa- e-getta, mentre la crisi climatica chiederebbe approfondimento. “Basti pensare che nemmeno Leonardo Di Caprio, che sui cambiamenti climatici ha fatto due film, è riuscito a smuovere le masse (‘Before The Flood’, ‘Punto di non ritorno’ e ‘Don’t look up’, ndr). Ci vorrebbe il tempo nobile di un documentario, come nel 2015-16 con il mio programma ‘Scala Mercalli’”.
 
La passione per la meteorologia di Luca Mercalli risale agli anni Ottanta, il ricordo va ai toni professionali e rassicuranti del colonnello Andrea Baroni, successore dell’indimenticabile Edmondo Bernacca, nella rubrica televisiva prima del telegiornale. “La tv ha mantenuto un approccio sottotono, parla di clima solo se costretta dalla cronaca, non ha colto l’opportunità per uno spazio di informazione più corretto e continuo. Invece il web ha cambiato tutto mettendo a disposizione una mole enorme di informazioni. La difficoltà consiste nel discriminare quelle di qualità dalle altre. Nello spiraglio si sono infiltrati i siti che sfruttano la meteorologia come trucco pubblicitario, a caccia di click, con titoli apocalittici e previsioni di qualità mediocre”.

Spiegare il clima in Italia è complicato dall’enorme varietà, dalla Sicilia simile all’Africa, all’Europa Continentale di alcune aree dell’Alto Adige. In più l’elevata frammentazione delle fonti di informazione, pur autorevoli. Il servizio ufficiale dell’Aeronautica Militare è centrato sulle esigenze militari e dei voli aerei, non su quelle dell’agricoltura, del turismo, dell’energia. Così sono nati i servizi meteorologici regionali, le Arpae, il primo in Emilia-Romagna negli anni Ottanta.
“Negli altri Paesi il servizio meteorologico nazionale è protagonista, alimenta dalla Protezione Civile alla didattica all’informazione giornalistica. È molto più complicato organizzare il fine settimana in Italia che in Australia: bisognerebbe andare sui siti delle Arpae di ciascuna regione che si visita o attraversa, un’assurdità. Mentre siamo sempre in attesa che l’Agenzia Italia Meteo da Bologna metta tutto sotto un unico coordinamento”.

Mercalli dirige la Società Meteorologica Italiana, fondata nel 1865, la più longeva associazione di professionisti e appassionati. “Negli anni Duemila eravamo la terza associazione d’Europa, oggi ce ne sono tante, troppe. La frammentazione fa perdere l’opportunità di crescere confrontandosi con i migliori a livello globale”. Per spiegare il clima, Mercalli ha percorso tutte le strade: tv, giornali, libri, conferenze e lezioni, persino concerti e un fumetto, “Il tuo clima - istruzioni per l’uso”. Come vede il futuro? “Nero, anche se per sdrammatizzare ci rido sopra”. Un suggerimento, almeno un sogno? “Sogno di riuscire a spiegare il clima in tv, mentre la gente apparecchia la tavola. Forse così si riuscirebbe ad avere un impatto di massa. Bisognerebbe fare come negli anni Cinquanta, quando in tv spiegavano come usare la lavatrice, ora dovremmo farlo con i pannelli solari. L’attenzione al clima è un fatto quotidiano, e non dovrebbe focalizzarsi sulla denuncia, ma soprattutto sulle soluzioni concrete, a portata di tutti”.
 

Conosciamo l'intervistato: Luca Mercatelli

Climatologo e giornalista scientifico.
Dopo il liceo classico e una formazione in Scienze agrarie a Torino, la città natale, Luca Mercalli consegue il master in Geografia alpina e scienze della montagna con indirizzo Climatologia e glaciologia presso il Laboratorio Edytem dell’Université Savoie Mont Blanc a Chambéry, in Francia. Il servizio militare l’ha svolto presso il servizio valanghe Meteomont del IV Corpo d’armata alpino. È giornalista scientifico per “Il Fatto Quotidiano”, ha lavorato per Rai e RadioTv Svizzera; ha condotto oltre 3.000 conferenze e pubblicato una quindicina di libri. È ambasciatore per il clima dell’Unione Europea e abita nelle Alpi in una casa a energia solare.
 

Condividi su:

ARTICOLI SIMILI

Industria e sostenibilità: la nuova frontiera con Niagara

Grazie a Niagara e a oltre 40 anni di know-how sul territorio, pronte soluzioni eco-innovative nello smaltimento dei rifiuti industriali

LEGGI L'ARTICOLO
Pa aromatics: quarant’anni di aromi

Un traguardo importante per Pa Aromatics, azienda di riferimento per gli aromi e le fragranze

LEGGI L'ARTICOLO
Dama Electric: il cliente al centro del progetto

Traguardi e nuovi obiettivi per Dama Electric, leader nell’impiantistica tecnologica nelle infrastrutture critiche

LEGGI L'ARTICOLO
Alta imprenditoria con metodo, impegno e continuità con Gicar

Gicar è un esempio di eccellenza imprenditoriale e del made in Italy per la fornitura di soluzioni elettroniche personalizzate, in particolare nell’automazione delle macchine per caffè

LEGGI L'ARTICOLO

Una comunicazione autorevole
per le aziende

Attorno a Platinum “Aziende & Protagonisti” ruota un mondo di notizie, di informazioni, di progetti e di obiettivi per la promozione del business e la comunicazione imprenditoriale.

La rivista si conferma una straordinaria vetrina per tutti coloro che desiderano promuovere la propria immagine nei confronti di un target di lettori di prestigio.

Platinum “Aziende & Protagonisti” offre un sistema di comunicazione integrata, mirata e personalizzata, capace di fornire risposte “su misura” alle istanze più dettagliate per pubblicizzare un’impresa con successo.

© 2020 Publiscoop Group | Privacy policy | Cookies policy | Design by Kreativa srl