DOSSIER
Una visione chiara del futuro
Progettualità e internazionalizzazione segnano lo sviluppo di Rotolificio Bergamasco 

Un’impresa che si rinnova costantemente, anticipando i cambiamenti nel nome dell’innovazione e della qualità: è questo lo spirito del Rotolificio Bergamasco, che dal 1976 realizza carta in rotoli per svariati utilizzi. Obiettivo: soddisfare qualsiasi esigenza tecnologica e di personalizzazione della variegata clientela. Alla guida dell’impresa la seconda generazione, i fratelli Gianluca, Cristiano e Pierluigi Panseri, tuttora affiancati dal fondatore Alessandro Panseri. “Negli anni Settanta abbiamo inaugurato l’attività producendo rotoli per calcolatrici e registratori di cassa, sino a divenire leader di settore. In seguito abbiamo iniziato a diversificare il nostro range. Oggi sviluppiamo prodotti per lotterie e superenalotto, soprattutto all’estero in stati come Israele e Polonia. Inoltre, biglietteria per il trasporto, dal metrò milanese sino ai documenti di viaggio per le ferrovie di Gerusalemme e i biglietti per le autostrade francesi”. Così afferma Pierluigi Panseri, che ci parla anche di Linerless, un’etichetta ad alto tasso d’innovazione, utilizzabile in ambito logistico e nei supermercati, premiata da Conai (Consorzio Nazionale Imballaggi) per la sua sostenibilità. “Le etichette in carta termica Linerless aumentano la produttività: eliminare il liner implica un risparmio del 43% sul consumo del materiale. In più, molteplici etichette di misure diverse vengono sostituite da un unico rotolo, che ha un peso inferiore e necessita di meno spazio rispetto ai rotoli tradizionali. Di conseguenza, i costi di trasporto e magazzino si riducono notevolmente”, spiega Panseri. Oltre alla qualità e al servizio impeccabile, il team del Rotolificio Bergamasco ha sempre garantito ai clienti un rapporto di fiducia diretto e continuativo. L’impresa, che ha registrato una crescita del fatturato del 20%, di cui il 10 % sul mercato estero, ha da poco acquisito Iconex Italy srl, società con il suo stesso core business, “In questo modo, saremo più vicini alla clientela”, sottolinea Panseri. Il Rotolificio Bergamasco, con i suoi due siti produttivi di Gorle e Maiano, il team giovane - 35 anni l’età media e le certificazioni Iso 9001 e 14001 più FSC e PEFC (materia prima da foreste gestite in maniera sostenibile) è pronto ad affrontare il futuro ricco di sfi de e scommesse.