RICERCA & INNOVAZIONE
Il valore aggiunto dei pannelli solari dismessi
Oggi sono rifiuti elettronici, ma i materiali potranno essere riutilizzati

Cosa accade dei pannelli fotovoltaici una volta dismessi? Allo stato attuale sono smaltiti in discarica. Da qui al 2025 ci si aspetta una crescita esponenziale di questi rifiuti ed è quindi importante trovare una soluzione alternativa. Lo scopo del progetto europeo “ReSiELP” è quello di recuperare il silicio e gli altri materiali presenti nei pannelli fotovoltaici dismessi. ReSiELP è un Up-scaling Project della EIT Raw Materials, costituito da diversi partners, (https://eitrawmaterials.eu/project/resielp/), tra cui il gruppo di Metallurgia del Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Padova. Il gruppo di Padova, dopo aver messo a punto un processo per separare i materiali costituenti i pannelli ed ottenerli con un elevato grado di purezza, ha progettato e sta costruendo, in collaborazione con gli altri partners, un impianto pilota per trattare 150 ton/anno di pannelli fotovoltaici, tramite un processo ambientalmente sostenibile ed economicamente vantaggioso. Infatti, tutti i materiali recuperati saranno valorizzati: alluminio, argento e rame saranno rivenduti; il vetro sarà riciclato come materiale da costruzione; ed il silicio metallico sarà purificato e riutilizzato per nuovi pannelli fotovoltaici.