DOSSIER
Microfinanza per le Pmi
Mikro Kapital, la maggior realtà del settore con capitali italiani

Micro finanza, micro leasing e impact sharing investment: sono questi i servizi principali offerti da Mikro Kapital Group, fondata nel 2008 da Vincenzo Trani, oggi la più grande realtà di micro finanza con capitali italiani al mondo. Un gruppo presente in 15 Paesi, soprattutto emergenti, specializzato nell’erogazione di micro credito alle Pmi locali, di cui finanzia gli investimenti produttivi applicando le tecniche e le best practice proprie della Bers (Banca Europea per la Ricostruzione e lo Sviluppo), con la quale vanta una partnership. Lussemburgo, Italia, Russia, Bielorussia, Moldavia, Romania, Tagikistan, Armenia, Kirghizistan, Honduras, Indonesia, Kazakistan, Uzbekistan, Repubblica Ceca, Svizzera, Georgia, Nicaragua, Hong Kong sono i paesi dove questa realtà è attiva. Spicca in particolare la sua presenza sulla Via della Seta. A oggi il gruppo conta 1.478 dipendenti, 107 uffici, 447 milioni di euro di Asset under management. Ma facciamo un passo indietro per scoprire come si è sviluppato il suo core- business. “Dalla sua fondazione nel 2008 sino a oggi Mikro Kapital è cresciuta, finanziando oltre 50mila Pmi e soprattutto alimentando una tematica - gli investimenti socialmente responsabili - che è diventata un cavallo di battaglia tra i vari player negli ultimi anni. D’altro canto il ruolo economico e sociale del microcredito è più accentuato nei paesi emergenti, in primis lungo l’intera via della Seta, seppur la Russia giochi sempre il ruolo di market leader, evidenziando le tendenze dello sviluppo economico dell’intera regione”, racconta Trani. Il microfinanziamento non è un concetto nuovo: piccole operazioni di microcredito esistono dal XVIII secolo e oggi le previsioni di crescita continuano a essere notevoli: l’incremento globale del settore finanziario delle Msme (Micro Small and Medium Enterprises) è stato pari al 10-15% nel 2017 (responsAbility), mentre il portafoglio complessivo dei prestiti di microfinanza in essere era pari a 200-250 miliardi di dollari nel 2016, secondo la Banca Mondiale e la Deutsche Bank. Tra i prodotti di punta in Russia e nelle aree ex sovietiche, fi gura il car sharing, come spiega esaurientemente Trani: “Chi fruisce di questo servizio solitamente è un piccolo imprenditore, un artigiano o un agente di commercio che chiede spesso credito per acquistare un mezzo di trasporto. Tuttavia, il pagamento delle rate di un micro leasing da noi concesso, implica una riduzione del suo volume d’affari. Per alleggerire il cliente da questo onere, abbiamo sviluppato il car-sharing, ossia la fruizione di un mezzo da condividere con altri imprenditori. Risultato? Si abbattono i costi per la gestione del proprio business, e aumenta l’impatto sociale ed ecologico di uno strumento come l’auto o il camion, utilizzati esclusivamente per il tempo necessario al lavoro che diviene altamente sostenibile e condivisibile. Ricordiamo che la Russia è la seconda nazione al mondo per la crescita del business del car-sharing”. Oltre alla declinazione classica del concetto di microfi nanza, quest’ultima può essere vista anche come un’asset class alternativa di investimento, al punto che Mikro Kapital dispone di due fondi dedicati, Mikro Fund e Alternative Fund. “Si tratta di soluzioni che mettiamo a disposizione degli investitori professionali e istituzionali italiani che desiderano ottenere un’esposizione sul mercato russo e la Via della Seta, ma all’insegna della decorrellazione rispetto ai driver di mercato principali per questa area geografica. L’accesso a questa asset class rappresenta un’opportunità efficace e sostenibile per la diversificazione della componente alternativa del portafoglio, in grado di generare rendimenti interessanti. Infine, in Russia proponiamo anche alcuni strumenti innovativi per favorire le collaborazioni ad alto tasso di produttività tra investitori anche privati, quali per esempio la piattaforma peer-to-peer townmoney.ru”. A testimonianza della generale crescente attenzione per il mondo del microcredito, lo scorso anno Vincenzo Trani è stato uno degli imprenditori italiani che ha firmato davanti al premier Conte e al Presidente Putin un accordo strategico tra Mikro Kapital e la Corporazione Pmi russe per la creazione di un fondo congiunto per finanziare progetti di Pmi russe. “Un ulteriore step verso la crescita economica del paese, con possibilità d’investimento che non si limitano al rendimento, ma hanno un notevole impatto ecologico, sociale ed economico” conclude Vincenzo Trani. 

MIKRO KAPITAL
Vincenzo Trani