IN EVIDENZA
Sartoria artigianale, fascino e sapienza
Alessandro Guerra

A Napoli la ricerca del bello trova consenso da secoli nella sartoria artigianale, in particolare quella maschile. Alessandro Guerra fin da ragazzo è attratto dal mondo della moda. Per oltre dieci anni ha collaborato con alcuni tra i più grandi atelier napoletani. Figlio e nipote di sarti, decide di avviare una propria sartoria, distinguendosi per il gusto e la raffinatezza dei capi dedicati a un uomo sicuro, che ama il bello e la qualità. Realizza camicie, giacche, pantaloni, cappotti, spolverini, sahariane, tutto rigorosamente a mano e su misura. “La ricerca dei tessuti è importantissima - dice Guerra - . Impieghiamo materie prime di massima qualità con titoli altissimi di fibre come il Super 160 o Super 180 e, ovviamente, il cashmere. Scegliamo i migliori produttori biellesi e scozzesi”. Nell’atelier nel frattempo è scesa in campo la seconda generazione: Gianpiero Guerra ha imparato nella bottega con i grandi maestri artigiani. Segue le orme paterne occupandosi in particolar modo dei mercati esteri. “Lavoriamo molto in Europa, Giappone, Corea del Sud - afferma Alessandro Guerra - . Famose sartorie ci chiamano per i clienti più importanti. Ci rechiamo sul posto con la collezione di tessuti, un metro e la nostra sapienza. Prendiamo le misure e torniamo dopo un paio di mesi per la prima prova”. I capi della Sartoria Guerra aiutano a manifestare l’essenza di chi li indossa. “L’ultima nostra creazione - conclude - è una giacca con caratteristiche molto formali, ma molto leggera, morbida, impeccabile e facile da portare”. Tra i progetti, la creazione di una bottega formativa per tramandare l’arte sartoriale napoletana.

SARTORIA GUERRA
Alessandro Guerra