RUBRICHE
Umiltà, empatia e fiducia
Notaio Vincenzo Calderini evidenzia i valori intrinseci di una professione secolare

Tra le figure professionali, quella del notaio è certamente la più ‘conservatrice’ nell’immaginario collettivo. S’incontra poi Vincenzo Calderini, classe 1979 e notaio “per vocazione” e si comprende come questa categoria stia evolvendosi rapidamente, ponendo al centro la vera essenza di una professione che ha origini secolari: l’ascolto, il mettersi nei panni dell’altro, l’essere percepito come fidato consigliere, dire sempre la verità e suggerire la migliore delle soluzioni possibili, anche nelle circostanze più difficili. Da qui la massima del giurista Francesco Carnelutti, che risalta sul sito web dello studio Calderini “Tanto più notaio, tanto meno giudice”. Il significato è presto detto: “Il notaio rappresenta il principale filtro di legalità – spiega Vincenzo Calderini - nei trasferimenti immobiliari, nelle operazioni societarie, nella sistemazione degli assetti patrimoniali delle famiglie. Come pubblico ufficiale svolge un ruolo indispensabile nel mondo dell’impresa, in quanto è il punto di raccordo tra lo Stato, le imprese e i cittadini. Una professione in continua evoluzione, che necessita di aggiornamenti costanti in diversi settori”. Dopo la laurea con lode conseguita presso l’Università degli Studi Federico II di Napoli e la collaborazione col professor Carlo Di Nanni, guida accademica nella sua formazione post laurea, Vincenzo Calderini inizia il suo percorso professionale, estremamente scrupoloso e rigoroso, al fianco del suo “Maestro”, notaio Francesco Fasano, per arrivare nel 2011 all’iscrizione nel ruolo del Distretto di Foggia e successivamente, nel maggio del 2013, al trasferimento nella città di Maddaloni - Distretto di Santa Maria Capua Vetere. Oggi all’interno dello Studio Notarile Calderini, che ha sedi a Maddaloni e Napoli, l’alta professionalità del team di collaboratori - ognuno con uno specifico profilo, per garantire un’efficienza a 360 gradi – è altresì valorizzata dall’utilizzo di procedure informatizzate avanzate, in grado di erogare servizi telematici altamente innovativi, dalle visure agli adempimenti successivi alla stipula fino all’invio telematico delle copie degli atti. Il Notaio Calderini appone il suo sigillo su atti notarili dedicati al settore immobiliare, societario e fiscale, fino alla gestione patrimoniale famigliare e ai servizi di consulenza legale a protezione degli interessi delle parti. Al suo fianco, l’amico di sempre, l’avvocato Davide Macchione e la dottoressa Maria Alessia Balletta, compagna e suo angelo custode. “Il notariato non è mai un ‘ostacolo’ alle attività d’impresa, bensì una ‘risorsa’. Mi sento di dire che quando c’è passione, sensibilità e si agisce in piena coscienza, la nostra funzione diventa una risorsa che non ha prezzo, soprattutto per le imprese”. Vincenzo Calderini ama definirsi con i suoi interlocutori “un notaio di strada”, nel senso di sentirsi vicino alle persone. Nel suo studio, la prima consulenza è sempre gratuita. “L’umiltà, a mio avviso, è il più nobile dei valori ed è a questo che ho improntato l’esercizio della mia funzione: il notaio deve parlare la lingua della gente, per tradurla in termini giuridici. A volte, la migliore consulenza è spingere la persona ad astenersi da una stipula: gli atti inutili sono i più pericolosi”.

NOTAIO CALDERINI
Vincenzo Calderini