Dichiaro di aver letto ed accettato l'informativa sulla privacy. (Leggi l'informativa)
Ricerca & Innovazione

Home > Ricerca & Innovazione > Le buone pratiche per un centro polidiagnostico in sicurezza

Le buone pratiche per un centro polidiagnostico in sicurezza

Le decisioni e le misure adottate dal Centro Vega di Caserta hanno consentito alla struttura di tornare a operare a regime già a maggio

Una struttura ambulatoriale complessa che ha gestito l’emergenza Covid-19 con decisioni tempestive e anticipatorie dei provvedimenti nazionali, orientate dal principio della sicurezza per pazienti e operatori. Scelte che hanno permesso di dire di essere stata una realtà “Covid free” e, a fine maggio, di essere tornata a operare a pieno regime. Si è presenta così il Centro Polidiagnostico Morrone di Caserta, una struttura accreditata con il Servizio sanitario nazionale, diretta dal dottor Renato Marrone e punto di riferimento sul territorio casertano e regionale. Su 5.300 metri quadri si sviluppano ambulatori clinici, servizi di diagnostica per immagini, sono presenti tre macchine per la Risonanza magnetica e quattro per la Tac. Inoltre, il Centro garantisce il trattamento radioterapico e il follow up per i pazienti oncologici. Una realtà molto articolata, quindi, che il dottor Morrone ha voluto mettere subito in sicurezza: “Due giorni prima del Dpcm che dava indicazioni sulla sospensione dei servizi non urgenti, ho deciso di sospendere ogni attività - spiega - perché ho ritenuto fosse il modo migliore per proteggere i pazienti più deboli e gli operatori sanitari che avrebbero dovuto continuare a essere in salute per affrontare ogni scenario. Abbiamo perciò continuato a garantire solo gli interventi di urgenza/emergenza e gli esami radiografici eseguiti a domicilio nel caso di fratture”. Il Centro è rimasto in standby fino a metà aprile, il tempo necessario “per capire come organizzarci”. Il 14 aprile “abbiamo riavviato i contatti con la nostra utenza utilizzando Facebook per una diretta e mostrare alle persone come stavamo operando, in modo da rendere immediatamente chiaro il fatto che avrebbero potuto ritornare al Centro in sicurezza”, prosegue il medico. Si è così avviata la Fase 2 del Centro e a giugno la struttura sta lavorando a pieno regime nel rispetto di tutte le norme per la prevenzione del contagio. “Nella nostra sala d’attesa si sono create 24 postazioni in sicurezza - aggiorna il medico - gli appuntamenti per gli esami sono stati calendarizzati e anche il follow up per i pazienti oncologici ha ritrovato i suoi ritmi. 

Condividi su:

ARTICOLI SIMILI

L’Italia nello spazio: un ruolo di primo piano

Il punto sulle prospettive della space economy per l’imprenditoria italiana secondo il sottosegretario Riccardo Fraccaro

LEGGI L'ARTICOLO
L’Italia all’avanguardia nel monitoraggio satellitare dei siti culturali

Dario Franceschini

LEGGI L'ARTICOLO
Lo spazio è sempre più vicino Gian Paolo Manzella

Sono tecnologie e innovazioni sempre più centrali per le attività quotidiane. L’onorevole Manzella: “È un vero e proprio ecosistema industriale italiano”

LEGGI L'ARTICOLO
Difesa del World Heritage, Italia in primo piano

I sistemi di monitoraggio di Leonardo a tutela del patrimonio culturale mondiale

LEGGI L'ARTICOLO

Una comunicazione integrata,
mirata e personalizzata

Attorno a Platinum “Aziende & Protagonisti” ruota un mondo di notizie, di informazioni, di progetti e di obiettivi.

Anche per questo la rivista si conferma una straordinaria vetrina per tutti coloro che desiderano promuovere la propria immagine nei confronti di un target di lettori di prestigio.

Platinum “Aziende & Protagonisti” è, infatti, in grado di attivare un sistema di comunicazione integrata, mirata e personalizzata, capace di fornire risposte “su misura” alle istanze più dettagliate.

© 2020 Publiscoop Group | Privacy policy | Cookies policy | Design by Kreativa srl