Dichiaro di aver letto ed accettato l'informativa sulla privacy. (Leggi l'informativa)
Ricerca & Innovazione

Home > Ricerca & Innovazione > Rischio tossicologico, esperienze a confronto

Rischio tossicologico, esperienze a confronto

Un progetto di interscambio europeo che ha come focus metodi innovativi per la valutazione della tossicità

Il tema base riguarda l’utilizzo di metodi innovativi per la valutazione della tossicità e del rischio tossicologico, che non prevedano la sperimentazione su animali. Ma l’obiettivo dell’H2020 “Twinalt” non è uno specifico risultato a livello di ricerca, bensì soprattutto l’interscambio di esperienze e di know-how scientifici fra diversi Paesi europei, che ha come beneficiario principale l’Istituto di Medicina del Lavoro Nofer di Lodz, in Polonia, e come partner esperti la Vrije Universiteit di Bruxelles, il centro norvegese Nilu - Norsk Institutt For Luftforskning Stiftelse e il DiSFeB, ovvero il Dipartimento di Scienze Farmacologiche e Biomolecolari dell’Università degli Studi di Milano. “Si parte da expertise ben consolidate, per promuovere interscambi di persone e di staff - seppur per brevi periodi - con workshop e training, iniziative di disseminazione, visite di esperti dall’una all’altra istituzione”, spiega la professoressa Marina Marinovich, responsabile del progetto per l’ateneo meneghino. Il Laboratorio di Tossicologia del suo dipartimento vanta un’esperienza più che trentennale sui metodi complementari e/o alternativi all’animale per la valutazione del pericolo e del rischio tossicogico, che si è esplicitata soprattutto nel campo dell’irritazione e della sensibilizzazione cutanea (partendo dalla problematica della valutazione dei prodotti cosmetici) e si è allargata quindi a settori come la neurotossicità e il danno al Dna. Il nostro coinvolgimento riguarda proprio l’ambito della tossicologia molecolare e cellulare, tradizionalmente in vitro e quindi perfettamente in linea con gli ambiti del progetto, e la discussione riguarda da sempre le modalità con cui i risultati ottenuti dalle nostre ricerche possano essere utilizzati per la protezione della salute umana. Rispetto agli altri partner esperti, ognuno di loro integra il progetto con conoscenze diverse che spaziano dalla tossicità epatica all’immunotossicità passando per la nanotossicologia, con l’impiego di metodi quali la citometria a flusso, l’analisi trascrittomica, modelli cutanei in 3D, approcci predittivi in silico, ecc... Spazio è dedicato anche a come comunicare correttamente i risultati della ricerca. Essendo un progetto basato soprattutto sull’interscambio, nei mesi scorsi Twinalt è stato inevitabilmente ritardato dal Covid: “Alcuni seminari teorici sono stati anticipati e svolti online, abbiamo spostato in avanti tutte le attività che riguardano viaggi e attività pratiche da svolgere in presenza, stiamo cercando di adattare al meglio il programma originale alla situazione contingente. L’emergenza, drammatica, ha avuto anche inattesi risvolti positivi: alcune delle attività sono aperte solo al mondo universitario, ma altre, svolgendosi online, possono essere aperte a tutti”.

Condividi su:

Una comunicazione autorevole
per le aziende

Attorno a Platinum “Aziende & Protagonisti” rruota un mondo di notizie, di informazioni, di progetti e di obiettivi per la promozione del business e la comunicazione imprenditoriale.

La rivista si conferma una straordinaria vetrina per tutti coloro che desiderano promuovere la propria immagine nei confronti di un target di lettori di prestigio.

Platinum “Aziende & Protagonisti” offre un sistema di comunicazione integrata, mirata e personalizzata, capace di fornire risposte “su misura” alle istanze più dettagliate per pubblicizzare un’impresa con successo.

© 2020 Publiscoop Group | Privacy policy | Cookies policy | Design by Kreativa srl