Dichiaro di aver letto ed accettato l'informativa sulla privacy. (Leggi l'informativa)
Ricerca & Innovazione

Home > Ricerca & Innovazione > Un piede innovativo per avere una “marcia in più”

Il team di inventori dell’Università di Padova da sinistra, Prof. Nicola Petrone, Dott. Paolo Mistretta, Ing. Riccardo Faggian

Un piede innovativo per avere una “marcia in più”

Da una tesi di dottorato universitario, il brevetto all’avanguardia di una protesi biomimetica, sensorizzata e versatile

Una protesi attiva di nuovissima generazione, destinata al piede e alla caviglia. Uno strumento all’avanguardia, sensorizzato e versatile, elastico e autonomo, nonché biomimetico, ovvero dotato di articolazioni in grado di simulare quelle umane. Per chi è costretto all’amputazione dell’arto inferiore (solo in Italia si parla di oltre 12 mila casi all’anno - fra conseguenze del diabete, infortuni sul lavoro e incidenti stradali) potrebbe essere davvero un aiuto rivoluzionario: un supporto in grado di muoversi su qualsiasi terreno, anche accidentato, e di essere rivestito con una pelle in silicone, così da potersi adattare a calze e scarpe. “B-FootUP” (così si chiama, per ora, l’invenzione) è il frutto di una tesi di Dottorato sviluppata presso il Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Padova, come sviluppo del progetto Interreg OutFeet a cui ha partecipato l’Università di Padova, DolomitiCert (Leader Partner) e l’Università di Innsbruck. L’ha ideata e realizzata il giovane Paolo Mistretta (in collaborazione con il tesista magistrale Riccardo Faggian) presso il Laboratorio di Sports & Rehabilitation Engineering dell’ateneo patavino, sotto la supervisione del Professor Nicola Petrone. A monte, l’idea era quella di realizzare uno strumento scientifico in grado di analizzare la camminata delle persone con amputazione: con un focus particolare sulla struttura del piede, solitamente poco considerato da questo tipo di strumenti (che si concentrano maggiormente sulle dinamiche della caviglia). Oggi che la protesi artificiale è pronta e brevettata, però, i suoi ideatori si stanno chiedendo come poterla lanciare anche sul mercato, dove sarebbe davvero al top rispetto agli strumenti attualmente presenti. “Stiamo conducendo una lunga serie di test di sicurezza, compresi quelli in-vivo che coinvolgeranno pazienti con amputazione e ci diranno definitivamente se lo strumento conferma i risultati che abbiamo provato sperimentalmente in-vitro - spiegano Petrone e Mistretta - Abbiamo già sviluppato, ed è in corso di brevettazione, anche uno speciale banco prova per testare lo strumento. Se tutto andrà bene, nel giro di pochi mesi saremo pronti per proporre la protesi all’esterno”. La possibile platea di soggetti interessati è ampia: non solo le aziende produttrici di protesi, ma anche centri di ricerca, cliniche riabilitative, calzaturifici specializzati. E, se è vero che il singolo dispositivo non è a buon mercato, una sua industrializzazione su scala ampia abbatterebbe decisamente i costi: a tutto vantaggio delle persone con amputazione che potrebbero davvero avere “una marcia in più”.

Condividi su:

Il B-FootUP supporta attivamente il passo adattandosi alle irregolarità del terreno

ARTICOLI SIMILI

La sindrome di Sjögren si affronta in armonia

Un team straordinariamente allargato per una ricerca medica che ha aperto una nuova metodologia di lavoro

LEGGI L'ARTICOLO
Velivoli ultraleggeri per misurare l’inquinamento

Un progetto integrato dalla ricerca sull’effetto di sostanze tossiche sulle cellule staminali

LEGGI L'ARTICOLO
Hdl e microbiota: un legame per curare l’aterosclerosi

Dall’interazione fra lipoproteine e intestino, Octopus: il progetto europeo sperimentale e clinico che potrebbe avere importanti ricadute

LEGGI L'ARTICOLO
La modellistica viene in aiuto alle coronarie

Metodologie computazionali per simulare l’efficacia degli stent nel trattamento delle ostruzioni vascolari

LEGGI L'ARTICOLO

Una comunicazione autorevole
per le aziende

Attorno a Platinum “Aziende & Protagonisti” rruota un mondo di notizie, di informazioni, di progetti e di obiettivi per la promozione del business e la comunicazione imprenditoriale.

La rivista si conferma una straordinaria vetrina per tutti coloro che desiderano promuovere la propria immagine nei confronti di un target di lettori di prestigio.

Platinum “Aziende & Protagonisti” offre un sistema di comunicazione integrata, mirata e personalizzata, capace di fornire risposte “su misura” alle istanze più dettagliate per pubblicizzare un’impresa con successo.

© 2020 Publiscoop Group | Privacy policy | Cookies policy | Design by Kreativa srl